line decor
  
line decor
 

 
 
 
Ulisse e Nausicaa

Scala nella roccia a Cirica

Incontro tra Ulisse e Nausicaa Grotta sulla spiaggia di Cirica


“Straniero, tu non mi sembri ne' malvagio ne' folle. La fortuna, e' Zeus che la distribuisce agli uomini, ai buoni e ai malvagi, a ciascuno come vuole. A te ha dato in sorte questo, bisogna che tu lo sopporti. Ma ora, poiche' alla nostra citta', alla nostra terra sei giunto, non ti mancheranno le vesti ne nessun'altra cosa di cio che e' giusto riceva un supplice, un infelice. Ti indichero' la citta, ti diro' il nome del popolo. Abitano questa citta' e questa terra i Feaci, e io sono la figlia del generoso Alcinoo, che tra i Feaci ha il potere supremo”

 

Tratto dal VI canto dell'Odissea.
Nausicaa accoglie Ulisse naufragato a Scheria, terra dei Feaci, la fanciulla si era infatti recata, su consiglio di Atena, alla spiaggia con le sue ancelle per lavare i panni. Ulisse, nudo, sfinito e in pessime condizioni invoca la sua misericordia, Nausicaa e il padre Alcinoo lo accolgono calorosamente e lo aiutano a rientrare ad Itaca fornendogli una nave.

Covo dei Contrabbandieri - SampieriTempio di Era - AgrigentoAgaveTeatro Greco - SiracusaAraucariaGrotte a Cava d'Ispica

   

 

zenetika© all rights reserved

_on the net since 2007